Perchè dovresti considerare il Counseling?

Perchè dovresti considerare il Counseling?

La realtà di oggi è che TUTTI lottiamo con i problemi della vita, piccoli o grandi che siano.

Il percorso umano è complesso e a volte il sostegno e/o l’ascolto di un amico o di un membro della famiglia non è sufficiente: le persone vicine a voi potrebbero non essere “obiettive” o potrebbero non avere le competenze necessarie per aiutarvi ad andare in profondità in un problema.

C’è una grande differenza tra un Counselor professionale e una persona che usa alcune abilità di consulenza come parte del suo ruolo, per esempio come amico o collega.

Inoltre il Counseling non è solo per le persone che stanno vivendo un momento difficile o sono in crisi.

Per questo il Counselor professionale è altamente addestrato e capace di usare una gamma diversa di approcci  con i suoi clienti.

IL PERCORSO DI COUNSELING.

E’ una serie di incontri – possibili anche ONLINE- che coinvolgono TE e il Counselor professionale, che ti ascolta e ti aiuta prima a comprendere, poi a trovare il modo di affrontare i problemi emotivi.

E’ importante che il consulente sia formato. È anche importante che il processo consista nell’aiutarti a trovare modi per affrontare i problemi, piuttosto che darti consigli o dirti cosa fare.

Per essere più chiari, ci sono alcune cose che sono generalmente riconosciute come counseling e un certo numero di altre che non lo sono.

IL COUNSELING E’:

– Il processo che avviene quando un cliente e un consulente mettono da parte del tempo per esplorare le difficoltà che possono includere i sentimenti stressanti o emotivi del cliente.

– L’atto di aiutare le persone a vedere le cose più chiaramente, possibilmente da un punto di vista diverso. Questo può permettere di concentrarsi su sentimenti, esperienze o comportamenti, con l’obiettivo di facilitare un cambiamento positivo.

– Una relazione di fiducia. La riservatezza è fondamentale per una consulenza di successo.

IL COUNSELING NON E’:

– Dare consigli.
– Essere giudicante.
– Tentare di risolvere i problemi del cliente.
– Aspettarsi o incoraggiare il cliente a comportarsi come il counselor si comporterebbe se si dovesse confrontare con un problema simile nella propria vita.
– Farsi coinvolgere emotivamente dal cliente.
– Guardare i problemi del cliente dalla propria prospettiva, basata sul proprio sistema di valori.

Se vuoi saperne di più, liberamente, CONTATTAMI ORA.

Ogni tua domanda o pensiero saranno i benvenuti!

“Chiedere un sostegno è il primo passo per volersi bene.”