Praticare l’accettazione aiuta a ridurre lo stress e la sofferenza emotiva.

Praticare l’accettazione aiuta a ridurre lo stress e la sofferenza emotiva.

La sofferenza deriva principalmente dal paragonare la nostra realtà ai nostri ideali.
Quando la realtà combacia con quello che vogliamo e desideriamo, siamo felici e soddisfatti.
Quando la realtà non combacia con quello che vogliamo e desideriamo, soffriamo.

Ovviamente è pressoché impossibile che la nostra realtà combaci completamente con i nostri ideali il cento per cento delle volte.
Ecco perché la sofferenza è onnipresente.
La nostra sofferenza emotiva è causata dal desiderio che le cose siano diverse da quello che sono.
Più opponiamo resistenza alla realtà di ciò che sta accadendo in questo momento, più soffriamo.

IL DOLORE E’ COME UNA SOSTANZA GASSOSA.

Se gli permettiamo di stare lì liberamente, col tempo si calmerà.
Se combattiamo e opponiamo resistenza al dolore, circoscrivendolo in uno spazio ristretto, la pressione continuerà a crescere fino a quando ci sarà una esplosione.

OPPORRE RESISTENZA AL DOLORE E’ COME SBATTERE LA TESTA CONTRO IL MURO DELLA REALTA’.

Quando lottiamo contro il fatto che il dolore sta sorgendo nella nostra esperienza cosciente, stiamo accumulando sentimenti di rabbia, frustrazione e stress sul dolore stesso.
Aggiungiamo dolore al dolore. Una volta che qualcosa si è manifestato nella realtà, non c’è nulla che possiamo fare per cambiare quella realtà nel momento presente. Cosi è come sono le cose.
Possiamo scegliere se accogliere o no il fatto, ma la realtà rimarrà la stessa in entrambi i casi.
Se siamo in grado di aspettare che la tempesta si calmi con relativa equanimità, non renderemo le cose peggiori più di quello che già sono.

IL DOLORE E’ INEVITABILE, LA SOFFERENZA E’ FACOLTATIVA.

Se vuoi confrontarti e iniziare un percorso di conoscenza verso l’accettazione CONTATTAMI ORA.

Come COUNSELOR PROFESSIONALE ti offrirò uno spazio di ascolto, riservato e non giudicante.

Il primo incontro ONLINE è sempre gratuito e non impegnativo per il proseguimento.

CHIEDERE UN SOSTEGNO E’ IL PRIMO PASSO PER VOLERTI BENE.